EnglishFrenchGermanItalianSpanish

Equonomia Palermo dice No al Caporalato

Apr 1, 2021 | Blog NoCap, Rete vendita

Equonomia oggi è una società cooperativa sociale di tipo misto A+B che ha al centro della sua attività economica la commercializzazione sia di prodotti alimentari e artigianali del circuito del commercio equo e solidale che dei prodotti alimentari e ortofrutticoli dell’agricoltura biologica e delle cooperative sociali ed è riuscita con orgoglio a fare di questo commercio, con tutte le difficoltà e i limiti che la contraddistinguono, uno strumento di affermazione di dignità e di riscatto sociale per tutti gli attori in essa coinvolti.

La cooperativa, fin dalla sua fondazione come cooperativa di produzione e lavoro nel 2006, ha sempre avuto come ambizione quella di coniugare la dignità del lavoro con la sua capacità di creare percorsi di riscatto sociale attraverso l’inclusione e la partecipazione di soggetti fragili dal punto di vista della salute mentale. Per questo, pur non essendo ancora una cooperativa sociale, ha mostrato fin da allora grande attenzione, oltre che alla giusta remunerazione del lavoro dei produttori, sia nei paesi poveri che nei nostri territori, alla funzione del lavoro come strumento di riabilitazione per persone affette da disagio mentale.

Se all’inizio abbiamo conosciuto i soggetti svantaggiati attraverso progetti formativi e di orientamento in collaborazione con le istituzioni del dipartimento di salute mentale e le cooperative  sociali operanti nel settore, relazionarsi in modo diretto con queste persone, misurarci  con le loro e le nostre difficoltà ma anche con le loro piccole e grandi conquiste, ha fatto maturare in noi soci l’esigenza di raccogliere la sfida della trasformazione in cooperativa sociale riuscendo ad essere parte integrante del loro percorso riabilitativo.

Oggi all’interno della cooperativa sociale Equonomia lavorano 9 soci con contratti a tempo indeterminato di cui 3 appartenenti alle categorie svantaggiate, due lavoratori svantaggiati che hanno iniziato il percorso d’inserimento lavorativo, un dipendente e 2 socie volontarie.

Alcuni dei soggetti svantaggiati hanno intrapreso un percorso di riabilitazione in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale di Palermo attraverso lo strumento del  Progetto Terapeutico Individualizzato, per sostenere e promuovere, oltre all’indipendenza economica della persona coinvolta anche la sua autonomia residenziale. Il lavoro in seno alla cooperativa, che include anche la partecipazione come socio alle attività decisionali della stessa all’interno delle assemblee dei soci, e le relazioni sociali che ci stanno attorno hanno svolto un ruolo cruciale nel percorso riabilitativo con ricadute importanti sulla vita dei soggetti svantaggiati.

Tutti gli inserimenti lavorativi dei soggetti svantaggiati sono stati e sono interamente sostenuti dall’attività economica della cooperativa che non ha avuto finanziamenti da parte delle istituzioni.

Farsi carico di chi ha una disabilità e al contempo gestire un’attività commerciale richiede un grandissimo impegno e un grande spirito di sacrificio che vengono ripagati, esclusivamente, dalle trasformazioni positive e dai percorsi evolutivi dei soggetti coinvolti.

Oggi la cooperativa gestisce due punti vendita in città, uno in via Giovanni Bonanno 92/98 e l’altro in via Sardegna 7/9 che hanno voluto inserire tra i loro scaffali le salse e i pelati a marchio NoCap.

Il 10 ottobre 2017, in occasione della giornata mondiale dedicata alla salute mentale la cooperativa ha ottenuto un riconoscimento ufficiale dal Comune di Palermo nella forma di tessera preziosa del mosaico di Palermo.

Un esperimento concreto, caparbio che guarda al lavoro come strumento di riscatto, di conquista concreta di autonomia e di libertà che noi della Rete NoCap di Yvan Sagnet apprezziamo tantissimo.

Staff. NoCap Palermo 17 Aprile 2021