EnglishFrenchGermanItalianSpanish

Osservatorio OZ

Creato per promuovere progetti, ricerche e attività finalizzate alla sensibilizzazione e alla salvaguardia dei beni comuni, dei diritti inviolabili, della dignità, del rispetto della legalità e dell’ambiente. Si intende, inoltre, contribuire attivamente al superamento di una subcultura, purtroppo crescente, di sfruttamento delle persone e delle risorse naturali

La salvaguardia dei beni comuni

Sviluppo

Un lavoro sviluppato anche in collaborazione con esperti per la preparazione di pubblicazioni, studi e approfondimenti

Ecosostenibilità

Nuove chiavi interpretative e punti di vista al massimo dell’oggettività e del rigore scientifico con orientamenti ad una nuova visione di sviluppo che possa condurre alla rinascita ecosostenibile del modello socio-economico

Apartitico

L’Osservatorio Z non è un soggetto politico e pertanto si posiziona al di sopra delle logiche partitiche

Obiettivi e finalità

Le crisi recenti impongono una riflessione sul modello di crescita e di sviluppo di domani. Un approccio multidisciplinare potrà condurci verso la proposizione di un nuovo modello economico, sociale e di sviluppo che superi gli schemi attuali di un utilizzo smodato delle risorse e dove la tutela dell’individuo e dell’ambiente siano riposte al centro dell’azione. Saper guardare al futuro, attraverso una visione innovativa e lungimirante, diventa un imperativo per andare verso un paradigma socioeconomico nuovo capace di coniugare la crescita, il rispetto della dignità umana e dei beni comuni intesi nella loro accezione più ampia (ecologia, clima, ecosistemi, diritti umani, ecc…) e dove i principi di solidarietà, giustizia, equità e partecipazione potranno ritrovare la giusta collocazione.

Il rispetto dell’essere umano e come tale portatore di diritti fondamentali e inalienabili e il diritto ad una vita dignitosa sono al centro del nostro interesse di studio e di ricerca insieme alla difesa e alla preservazione dei “Beni Comuni”

Attività

L’Osservatorio Z proporrà studi, ricerche e elaborerà proposte anche normative sui settori e ambiti di intervento sopra esposti che potranno esserci segnalati anche dalla società civile. In una ottica di apertura e di condivisione delle sue finalità, l’Osservatorio Z collaborerà con Enti di ricerca, Enti pubblici e privati, società civile, associazioni e ONG italiane, europee e internazionali.

L’ Osservatorio OZ intende:

1.

Concorrere alla tutela, alla salvaguardia e alla valorizzazione dei Beni Comuni intesi nella loro più ampia accezione

2.

Promuovere e diffondere la cultura sulla tutela dei Beni Comuni e delle strategie di mitigazione e adattamento al cambiamento climatico

3.

Contribuire all’emergere di una coscienza collettiva dei Beni Comuni, da intendere come entità funzionali all’esercizio dei diritti fondamentali della persona

4.

Svolgere una mappatura dei Beni Comuni, studi di settore, comparazione con le migliori pratiche europee

5.

Sviluppare contenuti multimediali audio e video, dossier

6.

Svolgere attività di consulenza e di ricerca per Enti e istituzioni

Metodologia

L’Osservatorio avrà delle unità di ricerca settoriali e avvierà Tavoli Tematici su temi ritenuti prioritari. L’attività di ricerca ed analisi prima di essere avviata sarà sottoposta e approvata dal Comitato tecnico composto dal Presidente, Vice Presidente e dal Coordinatore del/i tavolo/i tematico/i. I tavoli tematici potranno essere avviati anche su argomenti e temi proposti dalla società civile previa sottoscrizione del Manifesto disponibile sul nostro sito e autorizzazione del Comitato tecnico. Le conoscenze acquisite, gli studi e il materiale prodotto saranno messi a disposizione di tutti, in maniera gratuita, attraverso la costituzione di una banca dati open source accessibile dal sito internet dell’Osservatorio Z.

Possono presentare proposte previa sottoscrizione del Manifesto e accettazione da parte del Comitato tecnico:

Associazioni

ONG

Comitati

Il Comitato tecnico si riserva il diritto di rimuovere dal sito e dalla partecipazione ai Tavoli Tematici in caso verificata di non coerenza con gli obiettivi e le finalità portate avanti dal dall’Osservatorio Z. La partecipazione ai Tavoli Tematici di soggetti esterni sarà oggetto di uno specifico regolamento disponibile sul sito nella sezione a loro dedicata.